fotografia di paesaggio

Adriana Iaconcig

Biografia 

Nata a North York (Canada), vive e lavora a Cividale del Friuli (Ud). Si diploma all’Accademia di Belle Arti di Venezia nel 2007. Nello stesso anno le viene commissionata la realizzazione della Via Crucis per la Chiesa di San Lorenzo Martire a Cividale del Friuli. Per questo lavoro penserà ad un intervento scultoreo in sintonia con il manufatto architettonico di fattura contemporanea.

Nel 2008 collabora per la parte fotografica alla pubblicazione “Cividale 3 – dall’Italcementi all’architettura del futuro“. E’ il risultato di un’indagine nei così detti non-luoghi.  L’attenzione viene posta su un riappropriarsi delle identità di luoghi antropologici ormai vuoti, perduti, privi delle persone che li hanno vissuti. La vita di questi lavoratori è nascosta nei cumuli di detriti abbandonati, nelle macerie affastellate, nella stratificazione delle muffe e nei depositi della polvere.

Prosegue nella propria ricerca artistica individuando per una propria mostra personale nel 2010 un ex convento. Qui realizzerà un intervento site-specific attraverso l’uso della fotografia, del sonoro ed installazioni in stretto dialogo con una struttura di grande suggestione.

I suoi lavori includono scultura, installazioni, ma soprattutto fotografia, all’interno dei quali investiga il tema dell’identità e dei territori marginali. Adolescenti ritratti in una cornice naturalistica con un ritrovato ed indissolubile binomio di grande forza evocativa.

Mostre personali e collettive:

  • Settembre 2018, espone al Mu.Pa. Museo del Paesaggio di Torre di Mosto(VE) nella mostra collettiva MIRRORS, WINDOWS, MOSAIC – Ricerche italiane.
  • Ottobre 2017, espone al Museo d’Arte Contemporanea UGO CARA’ di Muggia nella mostra collettiva “GENS” curata dall’Associazione PHOTO-IMAGO di Muggia.
  • Aprile 2017 mostra personale a Portopiccolo, Sistiana (TS) alla Galleria Woland Art Club all’interno del progetto “La fine del Nuovo” della Neo associazione culturale di Udine.
  • Marzo 2017 è invitata ad esporre al Palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia dall’Assessorato Pari Opportunità all’interno del progetto dedicato alle fotografe friulane nella mostra “Abitare il Presente”.
  • Giugno 2016 ha partecipato, invitata, al X° Simposio di fotografia “Vedere Oltre” a Motta di Livenza(Tv).

Impegni pubblici nel 2018

  • febbraio 2018: è invitata all’incontro con il pubblico “Speech Photography Wrestling” presso il MuPa – Museo del Paesaggio di Torre di Mosto(VE).
  • marzo 2018: è invitata presso l’Università degli Studi di Udine – Dipartimento politecnico di Ingegneria ed Architettura. Illustra il proprio percorso artistico nel “Laboratorio di Progettazione Architettonica 1”. A seguito di ciò gli studenti avranno il compito di costruire una ipotetica casa per l’artista a Venezia con annesso studio/mostra.
  • aprile 2018: è invitata quale ospite presso il Circolo Fotografico “La Gondola” di Venezia.
  • maggio 2018: conduce il workshop “Con gli occhi di Tina”. Gli studenti scoprono Tina Modotti”, presso l’Istituto Comprensivo di Remanzacco (Ud).  In questo progetto sono coinvolti i bambini della classe quinta elementare.

Riconoscimenti

Finalista per due volte (2011 e 2013) del Premio Celeste. Ha partecipato, selezionata, nel 2014 e 2015 al SIFestOFF, Festival della Fotografia a Savignano sul Rubicone (FC). A giugno 2015 si è tenuta la sua prima mostra personale, Wide Open Windows, allo SMO – Museo Multimediale del Territorio di San Pietro al Natisone (Ud).

Scopri nella sezione MOSTRE le esposizioni cui ha partecipato e leggi nella sezione PRESS gli articoli che raccontano le sue opere e il suo percorso artistico.